Ecco la verità: solo documenti, solo fatti

28 Marzo 2023

1 – La richiesta di condanna per aver fatto bene

[…] accertare e dichiarare che PELLEGRINI Francesco, nell’esercizio delle funzioni di presidente della Fondazione, ha violato gli obblighi di legge e di statuto come per gli atti meglio indicati in narrativa; 2) per l’effetto, condannare PELLEGRINI Francesco a reintegrare e risarcire la Fondazione dei danni […]
28 Marzo 2023

2.1 – La difesa
sulla Violazione nella gestione del progetto editoriale “Calavria”/”I Calabresi” e danni patrimoniali subiti dalla Fondazione

Come il prestidigiatore Walter Pellegrini fa diventare ICalabresi giornale libero di successo e alla vigilia del possibile autofinanziamento una “perdita” – come tutte le attività della Fondazione non avendo entrate – e addirittura atto compiuto da una srl interamente posseduta dalla Fondazione “teso alla realizzazione […]
28 Marzo 2023

2.2 – La difesa
sulla Violazione degli obblighi di legge e di statuto con lʼassunzione di risorse umane non autorizzate e danni patrimoniali subiti dalla Fondazione.

La dott.ssa S. A. non è stata assunta come “mia segretaria personale”, perché se lo avessi fatto avrei dovuto essere estromesso per imbecillità e narcisismo patologico. La nostra collaboratrice di cui dirò alcuni dati del suo CV era stata assunta come direttamente dipendente dal Presidente, […]
29 Marzo 2023

2.3 – La difesa
sulla ristrutturazione dei locali in via Attilio Giuliani.

La decisione poi non realizzatesi per ovvi motivi di trasferire la Redazione de ICalabresi non nasceva dalla mia “fisima”, ma era motivata da due esigenze: Liberare spazi di Villa Rendano nella previsione di ospitare i partecipanti ai Corsi di alta formazione e altro del Progetto […]
29 Marzo 2023

3 – La donazione
da parte di Sergio Giuliani

Ora veniamo alla donazione che tanto titilla i pirati di Colle Triglio. Parliamo di un atto che ho preteso pubblico, davanti al Notaio e di cui ho informato urbi et orbi, più chiaramente “cani e porci”. Sarò rispettoso per quanto possibile della sfera privata di […]
29 Marzo 2023

4 – Quante sciocchezze!
una fra le varie PEC ricevute

Egregio Avvocato, Lei sa meglio di me che ogni componente di (qualsivoglia) CdA ha il pieno e legittimo diritto di esprimere riserve su tutti gli atti sottoposti alla decisione dell’organo, compresa l’assunzione di personale. Peraltro, se legge bene la delibera di CdA del 16 giugno […]

Un patto violato

Un commento finale: quanto riportato oggi e in passato su I nuovi calabresi confermano che nella inusitata e forse unica “scalata ostile” di un Ente no profit da parte di quattro persone che al netto dell’ipotizzato “abuso di diritto”, che per la sua gravità prevede la nullità e l’annullamento degli atti compiuti illegittimamente, ha fatto emergere dati sconcertanti.
Neppure celato l’interesse personale diverso per ciascuno dei quattro autori del “ribaltone” che si è mascherato, quasi “nobilitato” con la complicità quanto meno omissiva di poteri di varia natura.
Ciò fa del caso Villa Rendano – senza farne l’evento “storico” della Calabria e di Cosenza in particolare – il segno di una società con meno diritti di tante altre in Italia.
Questi diritti in alcuni casi sono di rango costituzionale, quello alla libertà dell’informazione art 21 Cost., altri attengono alla normalità della nostra democrazia.
Pongo per brevità talune domande:
1) è banale che un atto di straordinaria liberalità compiuto con l’impegno di importanti risorse private a beneficio dei cittadini, che si presume tutelato dai principali soggetti istituzionali, Prefetto e Sindaco in primo luogo ed è comunque vincolato alla volontà manifestata dal fondatore con un atto equiparabile a quello “di ultima volontà” che certo non ne affidava a Walter Pellegrini l’attuazione, trovi solo silenzio e passività?
2) L’ho scritto e lo ripeto. Il mecenate Bilotti ha voluto che la cura di opere di artisti importanti fosse garantita da un contratto di comodato sempre revocabile e da intese formali con il Comune. Ha sbagliato Giuliani, ed io con lui, a contare sulla lealtà e la responsabilità delle istituzioni locali?
3) Se mai altre persone generose e amanti della propria città volessero compiere analoghi atti di liberalità dovrebbero cautelarsi affidandosi a notai, giuristi e quant’altro per evitare ogni “fregatura”, termine inelegante ma del tutto congruo con la nostra esperienza?
4) Poiché a parte un’interrogazione parlamentare e un paio di servizi su giornali locali on line non s’è levata UNA voce da parte delle forze politiche, dalla stampa e il suo Ordine, da esponenti della cultura e dell’Università, dei Sindacati che scivolano sempre più nel collateralismo al potere, si può dire che la Cosenza di oggi è la stessa che nel passato si segnalava per la qualità della classe politica, per la sua vitalità civile e culturale? O è una città ingrigita e schiacciata da una cappa di poteri di varia natura ma tutti convergenti ad un comune obiettivo di condizionamento?
Non sono io che ha titolo e forza per cambiare le cose. Non mi sento né il salvatore né il demiurgo di Cosenza, per evitare il ridicolo. Ma sono orgoglioso, anche se stanco e infiacchito per l’età e la salute calante, di aver voluto fare di Villa Rendano un centro di cultura, un museo multimediale di prestigio nazionale sotto la direzione della dott.ssa Cipparrone, una sede di confronto civile e partecipazione dei cittadini alla vita della propria comunità proprio con un libero e fortunato giornale di inchiesta ICalabresi (vigliaccamente derubricato quasi a “corpo di reato”) e ora molto più modestamente con un blog/giornale I Nuovi Calabresi che fatte le giuste proporzioni è apprezzato e seguito da decine di migliaia di lettori calabresi e non, italiani e non. Intendo questo confortante successo non come mio merito, ma come risposta di molte persone per bene alla storiaccia che si è consumata a Colle Triglio e dintorni.

I protagonisti del ribaltone a Villa rendano

Santo Emanuele Mungari
è stato l’asso nella manica che con un eccesso di fiducia – ma è normale avere fiducia in un collega con il quale hai collaborato, hai scelto come consulente e avvocato di fiducia della Fondazione, che hai considerato un amico sincero al punto da designarlo nel Testamento come “esecutore testamentario” per assistere mia moglie in caso di mia prevedibile premorienza – ha avuto il mio “sta bene” per la carica di Organo di Garanzia, investito del potere di sciogliere il CdA in caso di dimissioni dei suoi membri e ricostituirlo a suo piacimento. In termini morali ne risponderà alla sua coscienza, che da bravo cattolico ontologicamente democristiano, sicuramente si farà sentire. Intanto ho presentato un esposto all’Ordine degli avvocati di Roma perché valuti se la sua condotta di avvocato sia stata leale e corretta. Credo che anche l’Istituto giuridico prestigioso C.A. Jemolo, di cui è sub commissario per designazione dell’ex Presidente di Regione Zingaretti, potrebbe avere qualcosa da ridire.
Ermelinda Catanese
ex alta e stimata dirigente delle Ferrovie dello Stato, con un carattere da molti giudicato “impossibile”, la sola dirigente con la quale mi davo del Lei ma che incontrata da pensionati entrambi la trovai empatica, proattiva, nata come me il 21 febbraio. Nata a Castrovillari, legata a Morano e al Pollino. Le viene data la delega per la valorizzazione dei nostri borghi, ma prima di ammalarsi tenendola lontana per mesi da Villa Rendano, manifesta, per motivi che non ho mai compreso, un’avversione nei confronti di una giovane assunta dopo aver avuto il consenso del CdA. La nostra collaboratrice fa un ottimo lavoro, informa su mia richiesta l’avv. Mungari, nella veste di legale della Fondazione, delle offese e delle vessazioni che a suo dire riceve dalla consigliera. Senza alcun esito. Inutile i miei inviti a lasciare alla mia responsabilità valutare il personale. Diventa una sorta di rito nel CdA domandare: “Come è stata assunta S.A.”. Un incubo che viene sfruttato da Walter Pellegrini per averla alleata nella congiura contro il Presidente. La giovane professionista, alla quale si devono i supporti informativi plurilingue delle opere del MAB e il felice esito del Concorso riservato alle scuole superiori Pensamila Storia (con capi di istituto invitati a confermare le parole di apprezzamento in chiave di tutela per nostra collaboratrice che vergognosamente non rispondono alla mia PEC) viene sottoposta dopo la mia estromissione ad un isolamento totale e quindi indotta alle dimissioni. Quel grand’uomo di Walter Pellegrini con le sue PEC figlie del livore e dell’incompetenza giuridica, che in parte potete leggere sullo Sbugiardino, minaccia una ridicola azione contro di me “per il danno procurato alla Fondazione” da un’ottima professionista.
Walter Pellegrini
nelle vesti di congiurato non è stato una totale sorpresa. Ne avevo informato Mungari in quanto consulente della Fondazione perché rilevavo un crescente e visibile ruolo di poca consonanza con gli interessi e i progetti di Villa Rendano. Mungari fa orecchio da mercante e si capirà poi perché. Dalla mancata collaborazione con la Fondazione, sebbene con un’importante delega e retribuzione, al passaggio nel rapporto personale basta poco. Vengo escluso dalla celebrazione per i 70 anni della fondazione Luigi Pellegrini editore – ben sapendo il legame fortissimo che mi legava al padre – con la motivazione “che la mia presenza non era compatibile con il profilo della casa editrice” (cito a memoria). Come non bastasse in un’esplosione di cinismo, a me che ricordavo come il prof. Luigi avesse insistito perché un giorno le mie ceneri fossero collocate nella tomba di famiglia (offerta all’inizio ripetuta dal figlio) – una prova di affetto straordinaria che lasciai cadere – mi viene risposto dal neo presidente che “lo spazio per un mucchietto di cenere non si nega a nessuno”. Walter Pellegrini ha cercato e ottenuto forse il consenso di massoni e politici, ma è stato guidato dalla voglia di prendere in mano la Fondazione con i suoi benefici di immagine e non solo che aveva gestito con grande autonomia, perché ero ricoverato mesi in ospedale, incapace di accettare il mio trasferimento da Roma a Cosenza. I risultati di questo cambio alla guida della Fondazione temo che saranno letali. Non è un auspicio, ma una previsione fondata.
Giovanni Gambaro
primario nefrologo al Gemelli quando chiamato da me che ero stato da lui visitato di recente accorse in aiuto di Sergio Giuliani che un cardiologo riteneva in imminente pericolo di vita per una gravissima infezione renale. Salvò di fatto la vita a Sergio, lo fece ricoverare con un’assistenza particolarmente efficace, per riconoscenza Giuliani su mio suggerimento finanziò una borsa di studio importante per uno specializzando di Catanzaro. La sua aggregazione alla “banda” è un mistero. Il prof Gambaro, che avevo voluto nel CdA per riconoscenza della sua opera, conosce passo passo il mio ruolo di sostegno e vicinanza nelle molteplici occasioni di ricoveri, visite mediche, accertamenti in giro per l’Italia alle quali Sergio Giuliani ripetutamente doveva ricorrere avendo accanto a sé me solo, peraltro designato con atto notarile come “futuro amministratore di sostegno”: sono sul mio cellulare gli scambi di messaggi a ferragosto tra me, rientrato di corsa dalle vacanze,  e Gambaro che mi informava sulle condizioni gravi  di Giuliani ricoverato alla Clinica Columbus che era anche ospedale COVID (Sergio morirà pochi mesi dopo), informazioni che giravo a parenti, amici intimi presumendo che gradissero essere informati (ora ne dubito fortemente), sono in radicale contraddizione con la sua veste di congiurato disinformato delle cose di Calabria. Anche qui un eccesso di fiducia o una macroscopica mancanza di correttezza, lealtà e in qualche misura di riconoscenza?
UNIVERSO CALABRIA Acquista il nuovo libro